Finotti Novello

Trattativa privata + 39 3474670115

 

Amazzone a cavallo
scultura in bronzo dorato lucido
h. cm. 37 x 44 x 12
esemplare  6 su 10, numerazione  romana  ( VI / X )
firmata Novelo   Finotti

BIOGRAFIA

Nasce a Verona nel 1939. Frequenta l'Accademia Cignaroli. Inizia ad esporre nel 1958 con un premio acquisto alla Mostra di Arte Sacra di Assisi. 

Nel 1964 espone a New York con una personale alla Armony Gallery. Nel 1966 partecipa su invito, con un gruppo di opere alla XXXIII Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. Nel 1972 espone con una personale alla galleria di Alexander Iolas a Milano.

Nello stesso anno partecipa alla mostra itinerante Scultori Italiani di Oggi, curata dal professor Fortunato Bellonzi di Roma, esponendo a Buenos Aires, Montevideo, Rio de Janeiro, San Paolo del Brasile, Tokio, Osaka, Hong Kong, Berlino Est e Lugano.
Nel 1976 viene invitato alla Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma, a una mostra itinerante ”il Bronzetto Italiano”, in Finlandia, Danimarca e Norvegia. Nel 1977 è a New York con una personale alla Iolas Jackson Gallery. Nel 1984 viene invitato con una sala alla XLI Biennale Internazionale d'Arte di Venezia.
Anni '80 e '90
Nel 1981 HOMMAGE A SHAKESPEARE con testo di Luigi Meneghelli, per la revue d'art TROU II
Nel 1986 espone con una mostra antologica a palazzo Te di Mantova. Nel 1988-89 partecipa in Giappone, con un gruppo di opere in marmo, alla grande mostra itinerante “La Scultura Italiana del XX Secolo” (The Museum of Fine Arts di Gifu, Art Museum di Niigata City, The Fukuyama Museum of Art).
Nel 1990 realizza un monumento del poeta Biagio Marin a Grado.
Nel 1995 una personale nella Galleria del Credito Valtellinese, Refettorio delle Stelline a Milano. Tra il 1998 e il 2001 oltre alla personale alla Nardin Gallery di New York, esegue i lavori su committenza, tra cui l'intervento completo della facciata della Basilica padovana di S.Giustina, comprendente i tre portali in bronzo, 18 ritratti dei committenti virtuali inseriti nel retro della porta centrale, e i quattro simboli degli Evangelisti in marmo e collocati nelle nicchie della facciata.

Last Exibition :

2013 - Galleria La Teca, Padova;

Dragani Guido

Trattaviva privata + 39 3474670115

 " Bagliori di civiltà "
scultura in terracotta dorata
dimensioni h. 50

BIOGRAFIA

Guido Dragani, pittore, scultore, incisore e ceramista, nasce a Chieti il 24 febbraio 1940.


Alla metà degli anni '50 realizza figure di animali (Cavallo, 1959) e vasi di terracotta antropomorfi. Negli anni '60, la sua pittura si ispira a Paul Cézanne (Natura morta con Vasi e libro, 1960; Paesaggio dei Colli, 1961; Veduta di Abano, 1962), e a Picasso 1967/68 (Donna distesa), seguita dalla transizione verso l'astrazione sia nella pittura che nella scultura (Memoria d'uomo, olio; Presenza umana, bronzo, 1968; Figura di donna, ceramica, 1970). Negli anni '70 e '80 si concentra sulla geometria di Paul Klee e Osvaldo Licini utilizzando olio, pittura acrilica, inchiostro e collage (Vivere nello spazio; Orizzonte nello spazio, 1978; Opposizione, 1980; Memoria spaziale, 1981). Nel 1984, realizza la grande scultura in marmo Abbraccio. Al volgere degli anni '90 utilizza legno, bronzo, piombo e pietra insieme (Anime nello spazio, 1988; Anime indiane, 1990). Le sue opere sono presenti in varie collezioni pubbliche e privateBibliografia:
Thieme-Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Künstler, Leipzig 1992
A. M. Comanducci, Dizionario illustrato dei pittori e incisori italiani moderni, Milano 1962
Eventi:
Ass. della cultura, Bassano del Grappa: sculture pitture. Dal 05/21 Novembre 1993, Chiesetta dell'Angelo: Simulacri? Feticci? Totem?
1993 - Pubblicazione: Abano Terme : Damarte, [1993]
2015 - Catalogo dell'Arte Moderna N°51Last exibition:
2014 - Personale Galleria La Teca, Padova;
2014 - Artisti ItalianiContemporanei a Stoccarda. Catalogo Mondadori;
2015 - Expo 2015 Spazi Fabbrica Pensante Viale Sarca Milano, Ciscina Trivulza ( accato Palazzo Italia)Catalogo Mondadori;
2015 - Evento collaterale all'Arte Padova,con Spazio Fabbrica Pensante;
2015 - Evento " opere dell'Expoo 2015 " Galleria Spazio 22 Via Scajaro,26, Asiago;

Dragani Guido

Trattativa privata + 39 3474670115

" Astratto "
tecnica mista su tela
dimensioni cm.100x100
firmatoDragani Guido

" Figura e 10 triangoli "
tecnica mista su tavola
dimensioni cm.80x60
Anno 2005, firmato Dragani Guido

" Gli italiani sono fortunati "
 tecnica mista su tavola
dimensioni cm.80x60
Anno2005, firmato Dragani Guido

" Monumento "
tecnica mista
dimensioni cm.50x50
Anno 2010 firmatoDragani Guido

BIOGRAFIA

Guido Dragani, pittore, scultore, incisore e ceramista, nasce a Chieti il 24 febbraio 1940.


Alla metà degli anni '50 realizza figure di animali (Cavallo, 1959) e vasi di terracotta antropomorfi. Negli anni '60, la sua pittura si ispira a Paul Cézanne (Natura morta con Vasi e libro, 1960; Paesaggio dei Colli, 1961; Veduta di Abano, 1962), e a Picasso 1967/68 (Donna distesa), seguita dalla transizione verso l'astrazione sia nella pittura che nella scultura (Memoria d'uomo, olio; Presenza umana, bronzo, 1968; Figura di donna, ceramica, 1970). Negli anni '70 e '80 si concentra sulla geometria di Paul Klee e Osvaldo Licini utilizzando olio, pittura acrilica, inchiostro e collage (Vivere nello spazio; Orizzonte nello spazio, 1978; Opposizione, 1980; Memoria spaziale, 1981). Nel 1984, realizza la grande scultura in marmo Abbraccio. Al volgere degli anni '90 utilizza legno, bronzo, piombo e pietra insieme (Anime nello spazio, 1988; Anime indiane, 1990). Le sue opere sono presenti in varie collezioni pubbliche e privateBibliografia:
Thieme-Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Künstler, Leipzig 1992
A. M. Comanducci, Dizionario illustrato dei pittori e incisori italiani moderni, Milano 1962
Eventi:
Ass. della cultura, Bassano del Grappa: sculture pitture. Dal 05/21 Novembre 1993, Chiesetta dell'Angelo: Simulacri? Feticci? Totem?
1993 - Pubblicazione: Abano Terme : Damarte, [1993]
2015 - Catalogo dell'Arte Moderna N°51Last exibition:
2014 - Personale Galleria La Teca, Padova;
2014 - Artisti ItalianiContemporanei a Stoccarda. Catalogo Mondadori;
2015 - Expo 2015 Spazi Fabbrica Pensante Viale Sarca Milano, Ciscina Trivulza ( accato Palazzo Italia)Catalogo Mondadori;
2015 - Evento collaterale all'Arte Padova,con Spazio Fabbrica Pensante;
2015 - Evento " opere dell'Expoo 2015 " Galleria Spazio 22 Via Scajaro,26, Asiago;

Dragani Guido

 

Trattativa privata + 39 3474670115

" Spirito della vita "
scultura in bronzo
dimensioni cm. 40

BIOGRAFIA

Guido Dragani, pittore, scultore, incisore e ceramista, nasce a Chieti il 24 febbraio 1940.


Alla metà degli anni '50 realizza figure di animali (Cavallo, 1959) e vasi di terracotta antropomorfi. Negli anni '60, la sua pittura si ispira a Paul Cézanne (Natura morta con Vasi e libro, 1960; Paesaggio dei Colli, 1961; Veduta di Abano, 1962), e a Picasso 1967/68 (Donna distesa), seguita dalla transizione verso l'astrazione sia nella pittura che nella scultura (Memoria d'uomo, olio; Presenza umana, bronzo, 1968; Figura di donna, ceramica, 1970). Negli anni '70 e '80 si concentra sulla geometria di Paul Klee e Osvaldo Licini utilizzando olio, pittura acrilica, inchiostro e collage (Vivere nello spazio; Orizzonte nello spazio, 1978; Opposizione, 1980; Memoria spaziale, 1981). Nel 1984, realizza la grande scultura in marmo Abbraccio. Al volgere degli anni '90 utilizza legno, bronzo, piombo e pietra insieme (Anime nello spazio, 1988; Anime indiane, 1990). Le sue opere sono presenti in varie collezioni pubbliche e privateBibliografia:
Thieme-Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Künstler, Leipzig 1992
A. M. Comanducci, Dizionario illustrato dei pittori e incisori italiani moderni, Milano 1962
Eventi:
Ass. della cultura, Bassano del Grappa: sculture pitture. Dal 05/21 Novembre 1993, Chiesetta dell'Angelo: Simulacri? Feticci? Totem?
1993 - Pubblicazione: Abano Terme : Damarte, [1993]
2015 - Catalogo dell'Arte Moderna N°51Last exibition:
2014 - Personale Galleria La Teca, Padova;
2014 - Artisti ItalianiContemporanei a Stoccarda. Catalogo Mondadori;
2015 - Expo 2015 Spazi Fabbrica Pensante Viale Sarca Milano, Ciscina Trivulza ( accato Palazzo Italia)Catalogo Mondadori;
2015 - Evento collaterale all'Arte Padova,con Spazio Fabbrica Pensante;
2015 - Evento " opere dell'Expoo 2015 " Galleria Spazio 22 Via Scajaro,26, Asiago;

De Paolis Natalia

De Paolis.pdf

Trattativa privata + 39 3474670115


New York
olio su juta, cm. 80x100
firmato De Paolis Natalia

BIOGRAFIA

Natalia De Paolis  è nata a La Maddalena, ha vissuto al Lido di Venezia, dove ha

studiato presso l’Istituto d’Arte di Venezia , diplomatasi in decorazione pittorica.
Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Venezia , seguendo il corso di scenografia Le delicate composizione della pittrice lasciano trasferire una visione del mondo intriso di sentimento; c omposizioni appunto,  che nel colore bloccato da sicure pennellate, dall’uso esperto della spatola e da interessanti tecniche pittoriche, integrano soggetto  e sfondo creando così preziosi motivi decorativi che rivelano un’espressione autentica, originale ed intima dell’autrice.
Marina Friso
Negli ultimi anni ha ripreso e intensificato l’attività pittorica. In questa mostra è presente con soggetti che partono dal figurativo ( Foglie al Vento) per passare all’astratto, resi con una sperimentazione tecnica  che spazia dallo spatolato al collage. Il denominatore comune della sua ricerca pittorica è comunque la luce che avvolge, come in un abbraccio, la totalità del suo essere artista. Si stemperano fiori, foglie al vento: gli elementi naturali sono i soggetti prediletti dall’artista, la quale attraverso le magie delle tecniche miste ci restituisce immagini di estrema lucidità e poesia.
Alessandra Possamai Vita Un rapporto di sintonia e verità della vita  e nella natura – espressione pittorica rivolta a “ capovolgere “ o a cogliere l’essenzialità della natura tutta . Tutto ciò compete a Natalia De Paolis, la sua ricerca e l’incontro – sorta di “gioco” fantastico in cui “ approdare “ in “ un’isola felice” per un re-incontro o una rinascita in seno a una Natura che “ grida” la sua sete di rivincita sull’uomo e la sua violenza. L’Autrice si dichiara apertamente vulnerabile al fascino che dalla natura proviene, essa ”entra” e si impossessa di questa mitica realtà, crea movimento e aperture, luci ed ombre in un’alternanza di sentimenti contrastanti, La De Paolis ci condure in questa idealità in continua evoluzione, entriamo in “anfratti” di mistero che rivelano da un attento sguardo tutta la possanza dello spirito. Una ri-visitazione in chiave di simboli dove il colore è parte dominante della visone-realtà in cui, più tardi, rivelerà un percorso di attesa, di un “poi” non più mistificato.
Carla Rugger .



Biography :

Natalia De Paolis was born in La Maddalena, she lived in Lido di Venice, where she studied to the Art Institute
of Venice, graduating in pictorial decoration. She attended the Academy of fine Art in Venice following the scenography course. The gentle compositions of the painter let transfer a vision of the world soaked of sentiment; compositions indeed, that in the colour arrested by strong brush stroke, by the expert use of the spatula and by interesting pictorial techniques, that complete the subject and the background creating, in this way, precious decorative patterns which reveal an authentic, original and intimate expression of the author. In latest years she reclaims and intensifies her pictorial activity. All of this, compete at Natalia De Paolis, in her research and the meet, a kind of a fantastic play where “reach an happy island” for a reencounter or a rebirth into the breast of a Nature which screams for her thirsty of revenge against the human and his violence. The author who from the figurative is, in graduated way, passed to the informal, declares openly herself vulnerable to the charm coming from nature, it “enters” and takes possession of this mythical reality, creating movements and openings, lights and shades in an alternating of contrasting sentiments, the De Paolis drives us in this ideality in continuous evolution, where we come into disappointed by a mystery that reveal, from a careful glance all the power of the spirit. A revisitation in key of symbols where the colour is mostly dominant in the vision-reality where, a bit later, will reveal a path of waiting, of a “then” not moremystified. “La Teca” is the reference gallery
(www.galleriteca.com).

Last Exibition:
2015 - Expo 2015 Spazi Fabbrica Pensante Viale Sarca Milano;                                           2015 - Cascina Trivulza ( accato Palazzo Italia)Catalogo Mondadori;
2015 - Evento collaterale all'Arte Padova,con Spazio Fabbrica Pensante;
2015 - Evento " opere dell'Expoo 2015 " Galleria Spazio 22 Via Scajaro,26, Asiago;
2016 - Personale Galleria La Teca, Padova;

 

taliadesign900.com/images/ARCHIVIO_De_Paolis_29.pdf